L’enciclopedia delle BETA HcG: la nostra America. Buon sangue non mente. 

Cristoforo Colombo partì da Palos nel 1942 convinto che al di là di quel mare inesplorato si trovassero le Indie, in realtà la sua traversata si concluse 79 giorno dopo sulle spiagge delle Bahamas: aveva ufficialmente scoperto l’America. Io credo che per noi il numero positivo delle nostre beta siano un po’ la nostra America: la terra lontana tanto ambita di cui però sappiamo con certezza l’esistenza. Questi per me sono i giorni delle beta hcg; passo il tempo a leggere on-line racconti di chi ci é già passato, dissertazioni scientifiche, spiegazioni, tabelle e grafici con numeri da capogiro. Sto diventando un’enciclopedia vivente monotematica e il tema é ben chiaro, ma nonostante tutto questo “sapere” non è che io mi senta più tranquilla.

Continua a leggere

Il 14° post transfer:le ultime beta. Mai fidarsi dei numeri.

Un’altra notte insonne. Questa sembra perfino più lunga e lenta. L’ultima volta che guardo l’orologio sono le 1:30. Mi giro, mi rigiro e alla fine mi impongo di dormire. Sonnecchio più che dormire. Domani è un giorno epocale. Ricordo la frase del medico che dice che il valore del 10° giorno post transfer era un po’ basso, ma ho stampato nella mente quel numero “26” che mi é sembrato da subito il valore perfetto.

Continua a leggere

Storia del nostro 10° giorno post transfer : le prime beta

Decidiamo di andare in ospedale con calma, io non devo andare al lavoro e abbiamo anche già la preaccettazione fatta. In realtà cerco di rimandare il più possibile l’appuntamento con l’ago ma so che non potrò rimandarlo per tutto il giorno per cui per le 8 :15 circa siamo in ospedale.

Mio marito, la mia roccia che mi sostiene sempre, non vuole mancare anche se sa che gli esiti non saranno istantanei.

Continua a leggere

Notte prima delle beta

…notte prima degli esami, notte di polizia, forse qualcuno te lo sei già portato via… Mi risuona in testa Venditti e me la canticchio pure mentre mi rigiro nel letto insonne.

É così che vi sentirete, come alla maturità. Mai abbastanza preparate ma allo stesso tempo pronte a mettervi in gioco per superare anche questo rito di iniziazione, quello di diventare adulti ai tempi della maturità e quello di diventare genitori al tempo delle beta.

Continua a leggere