Il raschiamento. Istruzioni pratiche, preparazione e post intervento. No descrizione intervento e no aspetti emotivi. SOLO CONSIGLI PRATICI.

Mi sono promessa di affrontare questo post con distacco, lontano dal coinvolgimento emotivo che purtroppo fa parte di questa traumatica esperienza. Vorrei dare dei suggerimenti pratici a chi come me si troverà ad affrontare questa situazione. Un passo alla volta e un giorno alla volta. Sono vicina a chiunque di voi si sia imbattuta in questo post cercando informazioni su ciò che accade durante la giornata del raschiamento.

Scrivo ora che ancora lo ricordo perché, avendolo già vissuto in precedenza, mi sono accorta che il trauma emotivo é stato talmente forte da aver rimosso la precedente esperienza di cui non ricordavo nulla. Nemmeno l’arrivo in ospedale.

L’intervento avviene in Day Hospital, pertanto preparatevi a passare gran parte della giornata in ospedale.

Schermata 2018-02-05 alle 11.23.00.png

Cosa portare con voi:

  1. Copia del vostro gruppo sanguigno (che verrà messo nella cartella clinica);
  2. Tessera sanitaria e un documento;
  3. Un pigiama con delle maniche larghe (perché in mattinata vi metteranno un ago in vena e dovrete riuscire a togliervi il pigiama serenamente senza trascinarvi via l’ago);
  4. Un paio di calzini;
  5. Una vestaglia;
  6. Un elastico per legare i capelli (se li avete lunghi);
  7. Una canottiera di cotone (che potrete tenere anche durante l’intervento);
  8. Un paio di slip;
  9. Degli assorbenti (non interni) per il post intervento;
  10. I fazzoletti;
  11. Una spazzola;
  12. … e qualcosa che vi distragga (un libro, le parole crociate, la maglia, qualsiasi cosa vi sia minimamente utile a staccare i pensieri dal chiodo fisso).

La sera prima:

  1. Consumate un pasto leggero e niente liquidi dalla mezzanotte;
  2. Levate eventuali smalti;
  3. …e inoltre vi suggerisco di togliere eventuali gioielli già dalla sera prima così non rischierete di farveli togliete in sala operatoria (come é capitato a me).

Schermata 2018-02-05 alle 11.52.37

La mattina dell’intervento :

  1. Ricordatevi che non potete fare colazione né bere (ciò per ridurre al minimo il rischio di rigurgiti durante l’operazione);
  2. Dovrete farvi una doccia con il sapone antisettico che vi avranno consegnato nel momento della prenotazione dell’intervento;
  3. Dovrete essere in ospedale per le ore 7:00 puntuali.
  4. All’arrivo in ospedale chi vi accompagna dovrà recarsi immediatamente al cup centrale con il vostro tesserino sanitario per farsi rilasciare la cartella clinica;
  5. Nel frattempo voi salite al terzo piano della torre 1 e attendete l’arrivo delle infermiere che puntualmente alle ore 7 verranno a prendervi e vi condurranno nella vostra camera.

Camere condivise: nel rispetto di ciò che stiamo vivendo, le camere vengono condivise da persone accomunate dallo stesso destino. Sentitevi quindi libere di lasciarvi andare in qualsiasi momento. Oltretutto la vostra compagna di camera sarà un importante sostegno durante quella giornata perché chi meglio di lei può capirvi.

Schermata 2018-02-05 alle 11.54.07

Preparazione all’intervento in ospedale:

Una volta ricevuta la vostra cartella clinica l’infermiera verrà da voi e :

  1. Vi misurerà la pressione e il battito cardiaco;
  2. Effettuerà un prelievo;
  3. Dopo aver pulito la cannuccia della “farfalla” con della fisiologica, vi metterà un sacco di cerotti protettivi perché l’ago vi resterà in vena fino al momento delle dimissioni;
  4. Vi metterà il braccialetto del ricovero con il vostro nome, cognome e data di nascita.

A seguire sarà la volta del ginecologo che vi visiterà, ricontrollerà ecograficamente che la diagnosi sia purtroppo corretta e vi darà qualche spiegazione sull’intervento.

Un’ora prima dell’intervento vi verrà consegnato un ovulo che aiuta il dilatamento e crea piccole contrazioni. Potreste avere qualche leggero crampetto addominale (io non ho sentito nulla).

A quel punto potrete prepararvi :

  1. Spogliatevi completamente;
  2. Vi ricordo di togliere i gioielli eventualmente dimenticati;
  3. Indossate il camice, le calze elastiche dell’ospedale e la cuffia;
  4. Potrete tenere la vostra canottiera.

Ad un certo punto arriveranno a prendervi, vi trasferiranno sulla barella e vi accompagneranno fino alla sala operatoria al primo piano.

Schermata 2018-02-05 alle 11.55.55.png

Prima di entrare in sala operatoria :

  1. Prima di entrare in sala operatoria l’anestesista vi farà alcune domande (nome, data di nascita, età, peso, altezza, allergie, precedenti interventi).
  2. Una volta entrate in sala operatoria, affiancheranno la barella al lettino operatorio su cui vi trasferirete da sole.
  3. Disinfetteranno l’area dell’intervento con del betadine e altre soluzioni antisettiche.
  4. Ad un certo punto l’anestesista vi intontirá con un anestetico. Avvertirete all’istante quel senso di intontimento: vi sembrerà di essere in un mondo ovattato, sarete sveglie ma allo stesso tempo “leggere, tranquille, rilassate”. Poco dopo vi inietterà l’anestesia e vi addormenterete praticamente subito.

Schermata 2018-02-05 alle 11.30.51

L’intervento dura circa 10-15 minuti.

Dopo l’intervento:

  1. Vi ritroverete già sulla barella mentre chiamano il vostro nome per svegliarvi fuori dalla sala operatoria.
  2. Non ricorderete nulla di ciò che é successo e non avvertirete alcun dolore fisico.
  3. Verrete riportate in camera e lasciate a letto e ancora digiune per circa 2 ore.
  4. Allo scadere delle 2 ore vi porteranno un the con delle fette biscottate (quella sarà la vostra colazione, il vostro pranzo e, se le cose andranno per le lunghe, anche la vostra cena).
  5. Se voleste alzarvi e andare alla toilette chiamate l’infermiera per farvi accompagnare.
  6. Con la prima minzione avrete delle perdite, probabilmente anche abbondanti, ma non vi preoccupate é normale.
  7. Prima di essere dimesse un medico vi consegnerà la lettera di dimissioni e vi parlerà del decorso post operatorio.
  8. Resterete in ospedale per circa 4 ore dopo l’intervento.
  9. Bevete molto per smaltire l’effetto dell’anestesia.

Nei giorni successivi all’intervento :

  1. State a riposo per 2-3 gg poi tornate alla vostra vita di tutti i giorni, il che vi aiuterà anche mentalmente.
  2. Potreste avere perdite per circa 7-10 gg. Potrebbero essere leggere o abbondanti, continue o ad “intermittenza”. Il vostro corpo sta rilasciando l’endometrio che si era ispessito per la gravidanza per cui è tutto normale.
  3. Potreste avere leggeri dolori alle ovaie o al basso ventre oppure nessun dolore. É normale, nel vostro corpo circolano ancora gli ormoni della gravidanza.
  4. Potreste sentire fastidi, pruriti o bruciori durante la minzione. Anche qui é normale, avete subito un intervento e potreste aver contratto qualche piccola infezione. Avvertite il ginecologo che vi prescriverà un antibiotico.

Nel mese successivo :

Il ciclo dovrebbe tornarvi indicativamente entro 40 gg dall’intervento, ma non c’è una regola fissa, potrebbe essere prima o addirittura dopo . Per quella data programmate una visita di controllo dal vostro ginecologo.

Conseguenze fisiche :

Di per sé l’intervento é semplice e veloce, non comporta rischi e non ha complicazioni fisiche. Il raschiamento non lascia cicatrici e non ha conseguenze sulla fertilità. Il corpo recupera facilmente e velocemente.

L’unica potenziale e remota complicanza è la perforazione dell’utero, ma si tratta di una complicazione statisticamente improbabile e che  nella maggioranza dei casi si risolve senza interventi chirurgici (la ferita si rimargina da sé).

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...