In viaggio tra prelievi ed ecografie durante la stimolazione : istruzioni pratiche

Quello che ci apprestiamo a fare é un viaggio, fatto di 4 tappe intermedie. Abbiamo i nostri documenti di viaggio (la cartella clinica con tutti i pre-esami), abbiamo i nostri biglietti (le 4 ricette rosse per i prelevi e per le ecografie), abbiamo la nostra convocazione nell’aeroporto Papa Giovanni XXIII (data e ora comunicata dalla segreteria PMA il giorno che abbiamo chiamato) e, se questo non ci bastasse, abbiamo pure il priority boarding che ci permetterà di evitare la fila al centro prelievi. Ora, non vi resta che preparare la vostra valigia; riempitela di positività e ottimismo, di sorrisi e amore e del vostro portafortuna, perché é vero che nessuno ci crede, ma… non si sa mai!

Durante il famoso incontro preoperatorio avrete ricevuto tra le varie carte anche le istruzioni su cosa fare durante il percorso di monitoraggio. Non che il foglio non sia chiaro, ma io preferisco darvi qualche dettaglio in più.

I prelievi potranno eseguiti anche a stomaco pieno perché i valori che andranno a recuperare sono valori ormonali su cui la colazione non interferirà.

In vostre mani avete 4 ricette  per i prelievi : una originale rossa con il timbro EPMA e  le altre 3 fotocopiate ognuna con  un numero progressivo dal 2 al 4 (la numero 1 é la ricetta rossa originale). Dovrete presentare le ricette in ordine progressivo, ovviamente.

Arrivati in ospedale, recatevi al totem del centro prelievi ingresso 38 (vedi post “Per non perdersi – Corso di orientamento nell’Ospedale Papa Giovanni XXIII“). Premete prima “PREACCETTATO” e poi “PRELIEVO DISABILE” che vi consentirà l’accesso a una fila prioritaria con attese praticamente nulle ai prelievi. Dopodiché entrate nel centro prelievi. Gli ambulatori dedicati ai prelievi disabili sono quelli preceduti dalla sigla K e normalmente sono gli ambulatori 26 e 27. La procedura “prelievo disabile” che dà diritto a questa corsia preferenziale é valida solo per i 4 prelievi durante la stimolazione, così che gli esiti possano essere prontamente consegnati al centro PMA.

Il prelievo consiste in un normalissimo prelievo di sangue: vi sedete di fronte all’infermiera, le consegnate l’impegnativa e il numero ricevuto dal totem, allungate il braccio sul tavolo, l’infermiera vi mette il laccio emostatico, voi stringete il pugno, vi mette l’ago e aspira il necessario. Tempo dedicato al tutto :  2 minuti il prelievo e un paio l’attesa. In 5 minuti, massimo 10,  avrete fatto tutto. 

Da qui dovrete recarvi al MINICUP della TORRE 1 ingresso 7 (sulle istruzioni che riceverete dalla segreteria vi indicano come accesso alternativo anche il 9, che va bene, ma bisogna fare un po’ di giri nei corridoi del reparto, entrando invece dal 7 arriverete direttamente al MINICUP in 2 metri). Al totem premete “ACCETTAZIONE” e una volta arrivato il vostro turno consegnate il documento di accettazione (quello con indicate le 4 ecografie, che vi verrà restituito). Vi ricordo che a questo momento non avrete ancora pagato le ecografie, che salderete solo l’ultimo giorno, ecco perché l’impegnativa vi verrà restituita di volta in volta.

Vi dovrete poi accomodare nella saletta di attesa e aspettare il vostro turno per l’ecografia che vi verrà fatta dal ginecologo di turno sempre in uno dei due ambulatori dedicati alla PMA, ossia il 118 o il 119.

Di solito io preferisco sedermi nella saletta di attesa verde perché é più tranquilla e meno affollata. Le attese sono variabili, ma la premessa é che é difficile che l’orario dell’appuntamento venga rispettato alla lettera. Tenete conto di almeno mezz’ora di ritardo e, se la visita vi capita di lunedì, anche di più.

La visita ginecologica consiste in una normale ecografia. Vostro marito/ compagno/ partner potrà chiaramente accompagnarvi ed entrare. Una volta arrivati nello studio, il medico vi farà spogliare e poi accomodare sulla, ormai nota,  poltrona ginecologica. Vi controllerà il livello di crescita dei follicoli, la parete uterina e l’endometrio. La visita durerà pochi minuti e, dopo che vi sarete rivestite, vi consegnerà il nuovo piano terapeutico e vi darà la prossima data di appuntamento, che normalmente é assegnato a giorni alterni (quindi ad es. lunedì, mercoledì, venerdì…). Il tutto durerà al massimo 10 minuti.

Questa procedura andrà seguita nello stesso identico modo per tutte e 4 le giornate.

L’ultimo appuntamento (il quarto) che é quello prima del pick-up lo farete con il dott. Fusi e l’ostetrica (nel mio caso sempre Michela) che vi rinfrescheranno le informazioni su cosa fare nei giorni tra quest’ultima visita e il pick-up (dedicherò un post a parte a questo ultimo incontro).

“All the Staff wish you a pleasant flight. Enjoy your flight!”

PRELIEVI E ECO.jpg

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...