La spesa biologia : da dove arrivano i nostri farmaci?

L’olio di palma fa male e qualsiasi prodotto lo contenga di conseguenza, le bevande light contengono dolcificanti artificiali che fanno più male dello zucchero e lo zucchero bianco raffinato lo sappiamo che fa male, ma anche il sale fa male per il sistema cardiovascolare quindi non si deve mangiare né dolce né salato, l’ideale è l’insipido. Poi c’è la carne rossa che pare sia cancerogena e, alzi la mano chi non ha mai sentito qualche raccapricciante racconto sul dado da minestra e su cosa contenga?!

Forse non ci avevate ancora pensato ma in fondo quella che vi appresterete a fare in farmacia, dopo aver ricevuto il vostro piano terapeutico, è una vera e propria scorpacciata di prodotti biologici, perché gli ormoni sono bio al 100%. Dovrebbero scriverlo sulle etichette e sulle confezioni, ne venderebbero molti di più.

Dopo i prelievi, le visite e il preoperatorio abbiamo finalmente in mano la nostra lista della spesa. Prima di andare in farmacia fate un salto dal vostro medico di base per farvi fare le ricette rosse perché molti dei farmaci della vostra cura saranno mutuabili. Saranno comunque costosi, ma pur sempre mutuabili. Inoltre certi farmaci non sono mai disponibili al momento, devono essere prenotati e per farlo occorre consegnare al farmacista la ricetta medica. In generale i farmaci per la stimolazione sono mutuabili, mentre sono a proprio carico i farmaci soppressori o antagonisti (dedicherò poi un post a parte sull’elenco dei farmaci e un altro sull’argomento costi).

schermata-2017-02-26-alle-13-43-11.png

Mentre vi recherete in farmacia penserete nell’ordine :

  • speriamo di non incontrare nessuno di conosciuto;
  • speriamo che il farmacista non ripeta ad alta voce i farmaci che mi sono stati prescritti o che non mi faccia domande;
  • speriamo che le ricette siano giuste, perché 9 volte su 10 al farmacista non piace come il medico compila le ricette.

Poi arriverete in farmacia con la vostra lista della spesa e, alla faccia di tutti i pensieri che avrete fatto fino a lì, l’unico pensiero che avrete sarà “speriamo che tutti i farmaci arrivino per tempo”.

Dicevamo che che la nostra spesa sarà una spesa “bio”, perché gran parte degli ormoni che ci autosomministreremo sono gli stessi ormoni che circolano normalmente nel nostro sangue. Quel che cambia è solo la dose con cui verranno utilizzati e la loro origine : alcuni sono estratti dalle urine delle donne in gravidanza o in menopausa e quindi sono gli stessi di quelli prodotti dal nostro corpo. 100% BIO. Altri invece nascono da processi di sintesi ma sono altrettanto efficaci di quelli naturali. Tutti questi farmaci sono assolutamente sicuri perché subiscono sofisticati processi di purificazione che eliminano eventuali microrganismi indesiderati.

In ogni caso tenete anche presente che la terapia dura circa due settimane e tutti questi ormoni vengono comunque eliminati in poche ore o giorni.  I rischi di effetti collaterali tipo aumento di peso, nausee o mal di testa sono praticamente nulli. Vi toccherà solo fare i conti con gli sbalzi d’umore repentini che però sono dovuti in parte a tutto il percorso e a tutta la tensione, le aspettative e le attese che vivrete.

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...